Tomas Milian, addio a un personaggio unico del cinema

Oggi se ne va un attore straordinario, Tomas Milian. Lo voglio omaggiare con quello che forse è stato il suo più celebre monologo, tratto da “La Banda del Gobbo” (1977) di Umberto Lenzi. Talmente bello che nel 1983 un certo Brian De Palma, nel suo “Scarface”, fa girare ad Al Pacino una scena fin troppo simile. Un monologo che Lenzi voleva tagliare dal film e che soltanto una clausola nel contratto dell’attore ha permesso a questa scena di entrare nella storia del cinema italiano. E noi che amiamo il cinema, oggi, in questa occasione, diciamo addio a Tomas Milian proprio ricordando una delle sue scene più belle.

“Allora, masdames e messieurs, me so dimenticato di presentamme. Me chiamo Marazzi Vincenzo, conosciuto come er gobbo de Roma. Eh? Avete sentito parla’ de me? Ecco… Ha ragione er signore là, semo gentaccia ma lui non sa na cosa però: che non ce volevamo fa entra’ qua, e non ce volevano fa entra’ perché non siamo degni, come se dice, de vede’ quello che succede qua, eh? Lo sbaglio più grande de noi poracci.. poracci no, perché semo dei gran fiji de na mignotta, de noi gentaccia, è de anna’ a rubba’, è de anna’ a fa le rapine, è de anna’ anche a ammazza’, pe’ arriva’ a esse come voi che venite qua pe’ fa vede’ chi c’ha più soldi, chi c’ha er brillocco più grande… Ma allora lo sbajo non è er nostro, lo sbajo è er vostro, che date er cattivo esempio, acapito? E se date er cattivo esempio, la colpa è vostra! E se la colpa è vostra bisogna eliminavve! Capito? Io ve potrei ammazza’, devo solo preme qua, ma non me va, troppo facile. Troppo facile. Mo ve n’annate e basta. Io ve vojo fa capi’ prima che le cose materiali non so importanti nella vita (…). Pensavo alle parole de na canzone, de n compositore che n se batte: Antonello Venditti. La canzone se chiama Sora Rosa. Nell’ultima parte dice: “C’è na cosa sola vera, per chi spera: che forse, forse, un giorno chi magna troppo adesso, possa sputà le ossa che so sante”. Questo dice la canzone. Invece Marazzi Vincenzo, er gobbo de Roma, dice: io quelle ossa ve le vojo fa caca’, ve le vojo fa caca’!!! Paura? Paura. Sta selva de ladri zozzi… sputo!”

Alessio Trerotoli


https://youtu.be/WNIIAOJfBcQ

Advertisements